acisjf tratta umana

Stop alla tratta

Si celebra oggi la Giornata Internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone.

Si gioca nelle 24-48 ore successive agli sbarchi la sorte di molte donne migranti. Un lasso di tempo breve in cui il rischio è quello di finire intrappolate nella rete della tratta degli esseri umani. Si celebra oggi la Giornata Internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone, con un’attenzione speciale ai più piccoli e indifesi. In un tweet, papa Francesco ha affermato: «Ascoltiamo il grido di tanti bambini schiavizzati. Nessuno resti indifferente al loro dolore».

I numeri. In Italia, naturale corridoi per accedere all’Europa, ogni anno sono 70mila le donne e 150mila gli uomini vittime della tratta, costretti da malavitosi e trafficanti a prostituirsi oppure sfruttati per il lavoro forzato, secondo quanto si apprende dai dati di Caritas Italiana.

L’appello del Papa. E all’udienza di questa mattina, papa Francesco ha lanciato il suo appello: «Incoraggio quanti in vari modi aiutano i minori schiavizzati e abusati a liberarsi da tale oppressione. Auspico che quanti hanno responsabilità di governo combattano con decisione questa piaga, dando voce ai nostri fratelli più piccoli, umiliati nella loro dignità. Serve ogni sforzo per debellare questo crimine vergognoso e intollerabile».

Related Post
0 Comments